Uniti alla Meta

L’asd Trust è una associazione che utilizza il rugby come strumento di inclusione e integrazione di persone con disagio psichico,sociale e relazionale

TraguardoV v 5831094dfc79026df27e00daf5b3a6345dc3ad428cadba8b2ba1acb723ed98ad
6.500 €
Traguardo extraV v 5831094dfc79026df27e00daf5b3a6345dc3ad428cadba8b2ba1acb723ed98ad
7.000 €
Raccolti
7.035 €
Chiuso il
07 mar 2019
Sostenitori
50
Finanziato

Uniti alla Meta - Atipici Rugby Bari

Il progetto "Uniti alla meta”, ha lo scopo di promuovere il rugby come occasione finalizzata
allo sviluppo e al potenziamento delle capacità di resilienza di fronte agli ostacoli e alle
difficoltà: un progetto sociale, che utilizza lo sport come uno degli strumenti riabilitativi nel
percorso terapeutico di persone con disagio psichico, fisico e sociale, e che, attraverso un
lavoro dinamico di conduzione, aiuto e motivazione, mira all’acquisizione di autonomie
personali e al potenziamento delle performance globali individuali, relazionali e sociali,
trasformando un’esperienza collettiva in un potente mezzo di ristrutturazione personale e
quindi di reinserimento psico-sociale.
Il progetto è in linea con altre esperienze di "sport integrato" (attività sportiva, a carattere
educativo, rivolta a tutti gli atleti, disabili e normodotati, finalizzata alla costruzione di un
gruppo che, attraverso la pratica sportiva, sviluppi e promuova la cultura dell’integrazione e
della solidarietà nell’accettazione e nella valorizzazione della diversità a tutti i livelli), è
basato su evidenze scientifiche, che sempre più valorizzano lo sport quale strumento
tecnico altamente specifico in ambito non solo psicomotorio, ma anche riabilitativo e
cognitivo, attraverso strategie d’intervento multidisciplinari e multiculturali, nel tentativo di
mettere a punto risposte personalizzate per gli atleti.

Torneo di Rugby Integrato

Gli atipici hanno tra le esperienze fondanti del progetto la partecipazione ai tornei nazionali annuali (il rugby nel cuore – colorno; palla in rete – pontedera) di rugby integrato, che si svolgono periodicamente presso le sedi delle associazioni sportive e di promozione sociale che fanno parte della rete nazionale di rugby integrato (unione rugby capitolina, pontedera bellaria rugby, bufali rossi colorno, lyons cremona; invictus rugby prato; polisportiva sieci valdisieve firenze; zebre gialle treviso); incontri periodici degli atleti con studenti di medicina e del corso di tecnico della riabilitazione psichiatrica, fonte di ispirazione per la stesura di tre tesi di laurea; incontri con i ragazzi dei poli liceali di bari e  monopoli; attività di volontariato e sostegno ad associazioni, comitati sportivi e enti del terzo settore della rete locale. 

In tal senso, la realizzazione di una tappa del torneo nazionale di rugby integrato a Bari, rappresenterebbe un riconoscimento significativo del lavoro svolto dal 2014 ad oggi (circa 100 utenti provenienti da centri di salute mentale di bari e provincia, cooperative del terzo settore, enti pubblici e privati di promozione sociale) con un forte impatto promozionale per la città di Bari. 

Lo staff Atipico

L'obiettivo dello staff degli Atipici, composto da facilitatori specializzati, è creare ed offrire un modello alternativo d’intervento riabilitativo multidisciplinare che possa divenire valido strumento di confronto per l’inclusione sociale e per la lotta allo stigma di qualsiasi tipo, attraverso un lavoro d'implementazione e di coordinamento condiviso in rete, e finalizzato a favorire i bisogni necessari di integrazione reale della persona.