Special Sports Community

Con noi già fanno sport persone con disabilità da 4 regioni, dai 14 ai 35 anni. Insieme faremo crescere queste società sportive, creando nuovi tornei!

TraguardoV v 5831094dfc79026df27e00daf5b3a6345dc3ad428cadba8b2ba1acb723ed98ad
22.000 €
Traguardo extra
24.000 €
Raccolti
22.070 €
Chiuso il
05 dic 2017
Sostenitori
38
Finanziato

Come utilizzeremo le vostre donazioni?

Chi fa sport lo sa: fare attività costa. Chi organizza e pratica attività motorie destinate a persone con disabilità sa anche che i costi si moltiplicano in maniera esponenziale. Bisogna avere i pullmini attrezzati; ai costi delle trasferte si sommano quelli degli alberghi adatti alle carrozzine (che in genere costano di più); le palestre adeguate sono poche e il noleggio è più dispendioso.

Noi conosciamo bene questi problemi perché - tra Emilia-Romagna, Piemonte, Toscana e Veneto - organizziamo già tornei di basket in carrozzina, sitting volley e infine basket facilitato per persone con disabilità mentale.

Le vostre donazioni saranno utilizzate per far crescere queste attività, per organizzare più partite, per aumentare il numero di persone disabili che praticano sport e fanno parte delle nostre società sportive, attive da anni nel campo dello sport per disabili. Questo vuol dire uscire di casa, superare situazioni di chiusura e abbandono; vuol dire socialità, impegno e partecipazione per nuove persone.

La nostra proposta è varia ma si può sempre crescere. Chi fa sport infatti sa anche un'altra cosa: se una manifestazione è stata un successo, se un’esperienza si è rivelata produttiva, la prima idea non è quella di confermarsi, ma fare di meglio.

E se dovessimo raggiungere il traguardo extra di 13.000 euro, a molti di loro potremmo regalare la partecipazione alla prossima edizione di Basket d'a...mare a Cesenatico.

Il basket in carrozzina, noi lo organizziamo così...

Laureati in scienze motorie, infermieri professionali, psichiatri, volontari, dirigenti e tecnici-educatori sportivi: queste sono le professionalità con cui operiamo, partendo da una metodologia che prevede la condivisione degli obiettivi, degli strumenti, dell'approccio alla persona e al gruppo.

L'approccio metodologico durante la pratica motoria e sportiva si esprime nel rispetto delle individualità, nella proposta di attività "agite" che consentano alle persone di orientarsi, confrontarsi, collaborare, crescere. Si tratta di un metodo che noi definiamo "dell'obliquità", che permette il raggiungimento degli obiettivi non attraverso un'unica modalità bensì tramite una rete integrata di possibilità. In questa rete ognuno può muoversi liberamente, personalizzando i propri percorsi di apprendimento.

I destinatari diretti dell'intervento sono persone con disabilità in età compresa fra i 14 ed i 35 anni, uomini e donne. Si prevede di coinvolgere circa 500 persone. I destinatari indiretti saranno studenti e studentesse delle scuole superiori, volontari, educatori, tecnici e dirigenti sportivi, operatori socio-sanitari.

Non siamo solo un'associazione. Siamo una rete!

Insieme a Uisp Emilia-Romagna sono coinvolti in questo progetto i Comitati territoriali Uisp di Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena, Modena, Parma, Piacenza e Reggio Emilia.

Ci sono poi le Associazioni sportive dilettantistiche ASD RE (Reggio Emilia), Delfini Montecchio VI (Reggio Emilia), Magik (Parma), Olympic Basket (Verona), Volpi Rosse (Firenze), Wheelchair Basket (Forlì).